Vai al contenuto

FondoAlbertoMoravia.it

Biobibliografia

1907-1929: Alberto Pincherle Moravia nasce il 28 novembre a Roma. Il padre, Carlo Pincherle, architetto e pittore, era nato a Venezia da una famiglia d’origine ebraica di Conegliano Veneto; la madre, Teresa Iginia De Marsanich, detta Gina, era nata ad Ancona da una famiglia anticamente immigrata dalla Dalmazia. Alberto, che viene battezzato alla nascita, è il terzo di quattro figli, nato dopo le sorelle Adriana [1905-1996] ed Elena [1909-2006] e prima del più piccolo Gastone [1914-1941].     Nel 1916 si ammala di una tubercolosi ossea che, con un alternarsi di miglioramenti e ricadute, lo costringerà a trascorrere la degenza in casa e a frequentare in modo irregolare la scuola. Dal ’24 al ’25 è ricoverato al sanatorio Codivilla di Cortina d’Ampezzo. Inizia la stesura de Gli indifferenti, romanzo sul quale lavorerà per tre anni e che pubblicherà, a sue spese, nel 1929, presso la casa editrice Alpes di Milano.

1930-1935: Pubblica Inverno di malato (1930) su “Pegaso”, rivista diretta da Ugo Ojetti. Tra il ’31 e il ’32 è a Londra dove ha modo di conoscere e frequentare alcuni esponenti del gruppo di Bloomsbury. Collabora con diverse altre riviste, tra cui “L’Interplanetario” di Libero De Libero e “Oggi” di Mario Pannunzio. Nel 1935 pubblica La bella vita [raccolta di racconti già editi su riviste] presso Carabba, e Le ambizioni sbagliate presso Mondadori. Collabora al mensile “Caratteri”, fondato da Pannunzio e Delfini.

1935-1939: Inizia un periodo di grandi viaggi, da cui nascono i primi reportage per la “Gazzetta del Popolo”: tra il ‘35 e il ‘36 si reca negli Stati Uniti e in Messico, mentre nel ‘37 va in Cina e poi in Grecia nel ‘39. Scrive i racconti de L’imbroglio (1937), rifiutato da Mondadori e pubblicato da Bompiani, che rimane ad oggi il suo editore. Contemporaneamente inizia a lavorare a sceneggiature cinematografiche. Collabora a “Omnibus”, diretto da Leo Longanesi. Nel giugno ’37 vengono assassinati in Francia Nello e Carlo Rosselli, suoi cugini da parte di padre. La famiglia Pincherle viene perquisita.

1939-1942: Di ritorno in Italia, trascorre lunghi periodi ad Anacapri con Elsa Morante, conosciuta a Roma nel ’36. Collabora a “Prospettive” diretta da Curzio Malaparte e pubblica I sogni del pigro (1940) e La mascherata (1941), che viene però sequestrato dal regime, mentre L’imbroglio e Le ambizioni sbagliate saranno inclusi nella lista dei libri di autori ebrei dalla “Commissione per la bonifica libraria” del Ministero della Cultura Popolare; è costretto a firmare i suoi articoli con uno pseudonimo. Nell’aprile del ’41 sposa in chiesa Elsa Morante.

1943-1944: Escono per Bompiani le raccolte di racconti L’amante infelice (1943), L’epidemia (1944), e il breve romanzo Agostino (1944) per le edizioni Documento. Dopo la caduta del regime fascista, collabora brevemente al “Popolo di Roma” di Corrado Alvaro. Nel ’43 fugge da Roma, con Elsa Morante, quando viene a sapere che il suo nome è sulla lista stilata dai nazisti delle persone da arrestare. Trovano rifugio in casolare sulle montagne di Fondi, nella località di Sant’Agata. Dopo la Liberazione, si recano a Napoli, e da lì rientrano a Roma. Nel 1944 pubblica, per Documento, La Speranza, ovvero Cristianesimo e Comunismo.

1945-1952: Per guadagnarsi da vivere scrive articoli e sceneggiature, collabora a riviste e programmi radiofonici. Escono: Due cortigiane (1945) per l’Acquario, la prima edizione Bompiani di Agostino (1945) [Premio del “Corriere Lombardo”, 1946], La romana (1947), La disubbidienza (1948), L’amore coniugale e altri racconti (1949), Il conformista (1951). Nel ’51 scrive e dirige il cortometraggio Colpa del sole. Collabora a giornali e riviste, tra cui “Il Mondo”, “Il Corriere della Sera”, “L’Europeo”. Nel ’52 le sue opere sono messe all’Indice dal Sant’Uffizio. Nello stesso anno riceve il Premio Strega per I racconti 1927-1951.

1953-1962: Nel ’53 fonda a Roma con Carocci la rivista “Nuovi Argomenti”. Nel ’54 escono Racconti romani [Premio Marzotto] e Il disprezzo. Nel ’55 conosce Pier Paolo Pasolini e inizia a collaborare come critico cinematografico per “L’Espresso”. Pubblica La ciociara (1957), Un mese in URSS (1958), Nuovi racconti romani (1959), La noia (1960) [Premio Viareggio]. Compie numerosi viaggi in Egitto, Giappone, Stati Uniti, Iran, Brasile e tra il ’61 e il ’62 in India, con Pier Paolo Pasolini e Elsa Morante, esperienza da cui nascerà Un’idea dell’India (1962). Poco dopo si separa da Elsa Morante e va a vivere con Dacia Maraini, conosciuta nel ’59. Pubblica L’automa (1962).

1963-1975: Escono L’uomo come fine (1963) e L’attenzione (1965). Con Enzo Siciliano e Dacia Maraini dà vita alla Compagnia del Porcospino nel teatro di via Belsiana a Roma (’66-’68); per il teatro scrive Il mondo è quello che è (1966), Il dio Kurt (1968), La vita è gioco (1969). Viaggia con Dacia Maraini in Africa, Messico, Giappone, Corea, Cina. Nel ’68 viene pubblicamente contestato dagli studenti, coi quali accetta di dialogare. Pubblica Una cosa è una cosa (1967), La rivoluzione culturale in Cina (1967), Il paradiso (1970), Io e lui (1971), A quale tribù appartieni? (1972), Un’altra vita (1973). Nel ’75 muore assassinato Pier Paolo Pasolini.

1976-1989: Escono Boh (1976), La vita interiore (1978), la raccolta di saggi Impegno controvoglia (1980), Lettere dal Sahara (1981), 1934 (1982) [Premio Mondello ’83], le novelle per bambini Storie della Preistoria (1982), La cosa e altri racconti (1983). Nel 1984 si presenta da intellettuale indipendente alle elezioni europee nelle liste del Pci e diventa Deputato al Parlamento Europeo (’84-’89). Due anni dopo sposa Carmen Llera. Escono L’uomo che guarda (1985), L’angelo dell’informazione e altri scritti teatrali (1986), L’inverno nucleare (1986), Opere. 1927-1947 (1986), Passeggiate africane (1987), Il viaggio a Roma (1988), Opere. 1948-1968 (1989) e La villa del venerdì (1990).

1990: Muore nella sua casa di Roma, in Lungotevere della Vittoria, la mattina del 26 settembre.

Escono postumi: Vita di Moravia (1990) scritto con Alain Elkann, La donna leopardo (1991), Diario Europeo (1993), Romildo (1993), le raccolte I viaggi. Articoli 1930-1990 (1994), Racconti dispersi 1928-1951 (2000). A dieci anni dalla morte viene pubblicato per i Classici Bompiani il primo volume della nuova edizione delle Opere complete, diretta da Siciliano, Opere/1. Romanzi e racconti 1927-1940 (2000), a cui faranno seguito Opere/2. Romanzi e racconti 1941-1949 (2002), Opere/3. Romanzi e racconti 1950-1959 (2004), Opere/4. Romanzi e racconti 1960-1969 (2007), I due amici (2007) e Cinque racconti romani (2007), Lettere ad Amelia Rosselli (2010), Cinema Italiano (2010), Lettres d'amour à Lélo Fiaux (2014), Se è questa la giovinezza, vorrei che passasse presto. Lettere giovanili [1926 -1940] (2015), Quando verrai sarò quasi felice. Lettere a Elsa Morante [1947-1983] (2016).

News & eventi

"Caro Alberto, mi ricordo di te.." - Antonio Calenda dialoga con Eugenio Murrali
05/07/2017
Torna la rassegna "Caro Alberto, mi ricordo di te.." per ricordare Moravia nei suoi spazi privati, attraverso le parole e le immagini degli...

Leggi tutto >

"Caro Alberto, mi ricordo di te.." - Valerio Magrelli dialoga con Maria Borio
14/06/2017
Mercoledì 14 giugno alle ore 18.30 a Casa Moravia Conversazione con Valerio Magrelli, poeta e scrittore-saggista, e Maria Borio, scrittrice...

Leggi tutto >

Moravia e il cinema: Bertolucci, Maraini, Fortunato alla Casa del Cinema
06/06/2017
Proiezione Il conformista (1970) di Bernardo Bertolucci (110 min.) / ore 16.30 Incontro con Bernardo Bertolucci, Dacia Maraini e Mario Fortunato /...

Leggi tutto >

"Caro Alberto, mi ricordo di te.." - Mario Fortunato e Alessandra Grandelis
16/03/2017
Giovedì 16 marzo alle ore 18.30 Conversazione con Mario Fortunato, giornalista e scrittore, e Alessandra Grandelis, curatrice epistolario...

Leggi tutto >

Moravia Doc - "L'Uomo che guarda" di Nico Di Biase
28/02/2017
Martedì 28 febbraio 2017 alle ore 18.30 verrà proiettato il documentario di Nico Di Biase intitolato "L'uomo che guarda"...

Leggi tutto >

A. MOR. Lettere, Comizi e matrimoni pop: frammenti di discorsi amorosi
14/02/2017
Martedì 14 febbraio alle ore 18.30 a Casa Moravia "A. MOR. Lettere, Comizi e matrimoni pop: frammenti di discorsi amorosi", brevi...

Leggi tutto >

"Quando verrai sarò quasi felice" presentazione volume a Roma - Teatro Argentina
28/11/2016
Lunedì 28 novembre alle ore 18.00 nella Sala Squarzina del Teatro Argentina di Roma presenteremo il volume di lettera di Alberto Moravia a Elsa...

Leggi tutto >

"Carissima Elsa...il tuo Alberto (Moravia).."- Milano
20/11/2016
Domenica 20 novembre alle ore 11.30 verrà presentato al Laboratorio Formentini per l'Editoria di Milano  il volume di lettere di Alberto...

Leggi tutto >

Newsletter

Per ricevere la newsletter compilare il seguente modulo:

Sicurezza e riservatezza sono gli elementi cardine della Privacy Policy di questo sito. Fondoalbertomoravia.it gestisce i dati forniti dagli utenti durante la navigazione in conformità a quanto prescritto dal Decreto Legislativo del 30 giugno 2003 n° 196 conosciuto come "Codice in materia di protezione dei dati personali". Le disposizioni di questo decreto, che danno attuazione in Italia a direttive dell'Unione Europea in materia di protezione dei dati personali, si sono sostituite al D.Lgs. del 31 dicembre 1996 n. 675 da tutti conosciuto come Legge sulla privacy. Si riportano di seguito le modalità di gestione del sito www.fondoalbertomoravia.it relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. La privacy policy è relativa soltanto a questo sito e non riguarda altri siti web eventualmente consultati dall'utente connesso tramite link.

Informativa in materia di privacy

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. L'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 stabilisce che il soggetto interessato debba essere preventivamente informato in merito all'utilizzo dei dati che lo riguardano.

Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali è “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus”, con sede legale in Lungotevere della Vittoria, 1 - 00195 Roma.

Luogo di trattamento dei dati

Il trattamento dei dati connesso alla consultazione di questo sito ha luogo presso la predetta sede di “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus” ed è curato dal personale dell'ufficio incaricato del trattamento.

Facoltà nel conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali indicati in contatti con la Fondazione per sollecitare l'invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare tuttavia l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Dicono di Lui

Una sezione dedicata ai contributi di altri, che raccoglie testimonianze d’autore, ricordi, letture private, pensieri, sguardi sullo scrittore. Uno spazio dove raccontare non soltanto le sue opere e le sue riflessioni politiche/artistiche/letterarie, ma anche le vicende e i luoghi della sua vita, attraverso le parole e le immagini di studiosi, lettori, amici, esperti, e di chi ha semplicemente letto e amato i suoi romanzi, i racconti, gli articoli.  

La Casa Museo

La casa di Alberto Moravia conserva le tracce della sua vita quotidiana, dei viaggi e delle frequentazioni. Dalle maschere africane ai makemono orientali; dai celebri ritratti alle opere degli amici pittori e scultori; dai souvenir di viaggio ai dischi e ai classici della letteratura; dalle lampade pop anni Sessanta alla macchina da scrivere Olivetti 82.