Vai al contenuto

FondoAlbertoMoravia.it

Dicono di Lui

Una sezione dedicata ai contributi di altri, che raccoglie testimonianze d’autore, ricordi, letture private, pensieri, sguardi sullo scrittore. Uno spazio dove raccontare non soltanto le sue opere e le sue riflessioni politiche/artistiche/letterarie, ma anche le vicende e i luoghi della sua vita, attraverso le parole e le immagini di studiosi, lettori, amici, esperti, e di chi ha semplicemente letto e amato i suoi romanzi, i racconti, gli articoli.

 

10 Dicembre 2014

Da “I turbamenti di Agostino” di Mario Andreose
pubblicato su Il Sole 24 Ore – Domenica (pag.18) – 03/08/2014

[…] Agostino, che ha 70 anni e non li dimostra, era uscito nel giugno del 1944, non appena le truppe inglesi del generale Clark avevano liberato Roma dall’occupazione nazi-fascista. Moravia l’aveva scritto nel ’42 a Capri nel mese di agosto (da cui il titolo), ma la censura, ancora una volta, l’aveva bloccato. Moravia non era un antifascista militante, ma era mezzo ebreo, di cultura cosmopolita avendo viaggiato all’estero e non era iscritto al Fascio, e tanto bastava. Quando il libro esce, in tiratura limitata di 500 copie, con due disegni di Guttuso, presso l’editore Federico Valli, Moravia è ancora sfollato a Sud con Elsa Morante sposata da pochi mesi. Nel colophon l’editore segnala che l’edizione è su licenza di Valentino Bompiani e che il libro è stato stampato su carta di cellulosa, che in quel tempo ha un valore corrispettivo al caffè vero e al cioccolato di cacao rispetto ai surrogati imposti dall’autarchia. Bompiani, che sta al di là della linea gotica, dovrà aspettare giusto un anno prima di pubblicarlo nella sua “Letteraria” e raccogliere i tributi che riconoscono finalmente a Moravia un livello letterario degno, se non superiore, degli Indifferenti. […] Fin dalle prime pagine Agostino, in vacanza versiliese, è incantato, e noi con lui, della sua bellissima mamma rimasta vedova, al punto di lanciarsi dietro di lei che si tuffa dal patino “con il desiderio di seguirla ovunque, anche in fondo al mare”. Sul patino il vogatore volge le spalle al ponticello che unisce le due barchette e una volta Agostino sa che la mamma si è tolta il costume e non deve voltarsi; un’altra volta la sa accanto al “giovane bruno e adusto” da lei invitato e coglie movimenti come di schermaglie e sussurri indistinti. I turbamenti dell’ancora innocente Agostino volgono allora in rabbia, morbosa curiosità, gelosia per una mamma che ad un certo punto “è solo una donna”. L’impatto con una banda di ragazzacci, più o meno coetanei, è per Agostino la scoperta dell’”altro”, un rito di passaggio che ha un prezzo spesso umiliante e vessatorio: figurarsi un tredicenne fine, ingenuo, ricco, con una madre tanto bella quanto chiacchierata, e una congrega di scafati, plebei, maliziosi, ladruncoli capitanati da Saro, un inquietante pedofilo con dodici dita. Lui non si sottrae per il “fatale masochismo del borghese” (Sanguineti), ma anche perché intravede oscuramente una possibilità di crescita, di diventare “un uomo” agli occhi della madre. Intanto tutti i dubbi che poteva avere sui reali rapporti tra la madre e l’intruso, ormai abituale accompagnatore, gli erano stati fugati da una brutale rappresentazione mimica dei suoi nuovi compagni. Ed ecco per lui la contiguità notturna con la madre trasformarsi in ossessione tra voyerismo ed eccitazione, in pagine tra le più sensuali che lo stordimento edipico abbia saputo ispirare. Moravia stesso, nel suo libro intervista con Alain Elkann, ci dice che quella di Agostino “è la storia di un incontro con la cultura moderna, che presuppone l’opera di due grandi smascheratori, Marx e Freud”. […]

Commenti (0) | Commenta articolo
28 Novembre 2014

Moravia, una lezione di metodo di Marino Sinibaldi

Il mio ricordo di Moravia è molto indiretto e molto parziale. Non l'ho mai incontrato ma, penso, letto da sempre. E di tutte le cose - racconti e romanzi, articoli e interviste - quello che più mi rimane impresso è la tenacia e la lucidità con cui ogni settimana parlava di un film sull'Espresso. Non ricordo quasi nulla di quegli interventi se non quel senso di paziente attenzione e dedizione alla scrittura. Da qualche parte ho letto che Moravia diceva di andare ogni giorno al cinema per schivare la noia. E sicuramente quelle recensioni non sono tra le sue cose più memorabili. Ma se penso a Moravia, penso anzitutto a questa lezione di metodo, per chi scrive e anche per chi non scrive. Dedicare attenzione alle cose, tutte. Cercare la chiarezza, sempre. E praticare la scrittura (ma, traduco io, ogni mestiere, specie se ha l'ambizione di esprimere una qualche creatività) anzitutto con onesta dedizione. Non mi pare poco, e dunque non mi sembrano poco rilevanti quelle lontane recensioni.

Commenti (0) | Commenta articolo
Pagina: 123456

News & eventi

Moravia e l'arte: un secolo d'incontri
06/12/2018
Primo appuntamento di un ciclo di incontri sull'arte, giovedì 6 dicembre alle ore 18.30, la studiosa Alessandra Grandelis ci racconterà...

Leggi tutto >

La Compagnia del Porcospino - Incontro con Dacia Maraini e Flaminia Siciliano
03/12/2018
Lunedì 3 dicembre alle ore 21 si torna a parlare del teatro di Moravia attraverso l'esperienza del Teatro del Porcospino.  Con Dacia...

Leggi tutto >

Caro Alberto, mi ricordo di te... - Paolo Bonacelli dialoga con Eugenio Murrali
28/11/2018
Mercoledì 28 novembre alle ore 18, per ricordare lo scrittore nel giorno del suo compleanno, l’Associazione Fondo Alberto Moravia - Onlus...

Leggi tutto >

Per crescere un bambino ci vuole un villaggio. Incontro con Véronique Tadjo
31/10/2018
Mercoledì 31 ottobre alle ore 18 a Casa Moravia saranno protagoniste le favole africane di Véronique Tadjo, scrittrice ivoriana, in dialogo...

Leggi tutto >

Presentazione del volume di Anna Folli "MoranteMoravia. Storia di un amore"
02/07/2018
Lunedì 2 luglio alle 18.30 a Casa Moravia avrà luogo la presentazione del volume di Anna Folli "MoranteMoravia. Storia di un amore"...

Leggi tutto >

Alberto Moravia e il '68
11/06/2018
Lunedì 11 giugno alle ore 18.30 al Teatro Argentina di Roma Incontro con Dacia Maraini e Paolo Mieli, coordina Lorenzo Pavolini «La...

Leggi tutto >

Caro Alberto, mi ricordo di te.. - Piera Degli Esposti dialoga con Eugenio Murrali
19/04/2018
Giovedì 19 aprile alle ore 18.30 - Casa Moravia Piera Degli Esposti, attrice, con Eugenio Murrali, giornalista Torna "Caro Alberto,...

Leggi tutto >

Presentazione del volume "Non so perchè non ho fatto il pittore"
11/01/2018
Giovedì 11 gennaio 2018 alle ore 18.30, presso la Galleria 28 Piazza di Pietra - Fine art Gallery si terrà la presentazione del volume...

Leggi tutto >

Ultimi articoli

  • 23 Novembre 2015 - Gli odori e l’osso di Giovanna Zucconi O forse il profumo non è struggimento, come...
  • 8 Giugno 2015 - Da "Moravia e l'Europa, un rapporto di profonda passione" di Paolo Di Paolo                                     ...
  • 24 Aprile 2015 - Note sui diari africani di Alberto Moravia di Ubah Cristina Ali Farah Chissà se Moravia...
  • 9 Aprile 2015 - Caro Moravia di Cristiana Pumpo Caro Moravia, ti scrivo per ringraziarti di averci ospitato...
  • 25 Febbraio 2015 - Moravia è un comico di Andrea Grazioli Moravia e la comicità, in apparenza nulla...
  • 12 Febbraio 2015 - Demoni di Marco Cubeddu Il mio primo incontro con Moravia avvenne a scuola. Ma Gli indifferenti...
  • 21 Gennaio 2015 - Incoerente cronaca di un impromptu di Stefano Codiroli Per non apparire oltremodo preambolare -...
  • 14 Gennaio 2015 - L’Europa di Moravia di Simone Cosimi Alla luce delle vicissitudini, delle passioni e delle...
  • 10 Dicembre 2014 - Da “I turbamenti di Agostino” di Mario Andreose pubblicato su Il Sole 24 Ore –...
  • 28 Novembre 2014 - Moravia, una lezione di metodo di Marino Sinibaldi Il mio ricordo di Moravia è molto indiretto...
  • 27 Ottobre 2014 - Alberto Moravia, un ricordo di Sandra Petrignani Parlando di Moravia vorrei partire da due cose...
  • 10 Ottobre 2014 - Racconti Romani di Matteo Nucci Il dolore che io provo più spesso è la nostalgia. È...

Newsletter

Per ricevere la newsletter compilare il seguente modulo:

Sicurezza e riservatezza sono gli elementi cardine della Privacy Policy di questo sito. Fondoalbertomoravia.it gestisce i dati forniti dagli utenti durante la navigazione in conformità a quanto prescritto dal Decreto Legislativo del 30 giugno 2003 n° 196 conosciuto come "Codice in materia di protezione dei dati personali". Le disposizioni di questo decreto, che danno attuazione in Italia a direttive dell'Unione Europea in materia di protezione dei dati personali, si sono sostituite al D.Lgs. del 31 dicembre 1996 n. 675 da tutti conosciuto come Legge sulla privacy. Si riportano di seguito le modalità di gestione del sito www.fondoalbertomoravia.it relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. La privacy policy è relativa soltanto a questo sito e non riguarda altri siti web eventualmente consultati dall'utente connesso tramite link.

Informativa in materia di privacy

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. L'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 stabilisce che il soggetto interessato debba essere preventivamente informato in merito all'utilizzo dei dati che lo riguardano.

Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali è “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus”, con sede legale in Lungotevere della Vittoria, 1 - 00195 Roma.

Luogo di trattamento dei dati

Il trattamento dei dati connesso alla consultazione di questo sito ha luogo presso la predetta sede di “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus” ed è curato dal personale dell'ufficio incaricato del trattamento.

Facoltà nel conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali indicati in contatti con la Fondazione per sollecitare l'invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare tuttavia l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Dicono di Lui

Una sezione dedicata ai contributi di altri, che raccoglie testimonianze d’autore, ricordi, letture private, pensieri, sguardi sullo scrittore. Uno spazio dove raccontare non soltanto le sue opere e le sue riflessioni politiche/artistiche/letterarie, ma anche le vicende e i luoghi della sua vita, attraverso le parole e le immagini di studiosi, lettori, amici, esperti, e di chi ha semplicemente letto e amato i suoi romanzi, i racconti, gli articoli.  

La Casa Museo

La casa di Alberto Moravia conserva le tracce della sua vita quotidiana, dei viaggi e delle frequentazioni. Dalle maschere africane ai makemono orientali; dai celebri ritratti alle opere degli amici pittori e scultori; dai souvenir di viaggio ai dischi e ai classici della letteratura; dalle lampade pop anni Sessanta alla macchina da scrivere Olivetti 82.