Vai al contenuto

FondoAlbertoMoravia.it

Opere

L'amore coniugale

L'amore coniugale racconta la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro.

Il conformista

Il romanzo, pubblicato nel 1951, è il ritratto di un personaggio e di un atteggiamento morale caratteristici del nostro tempo: il conformista e il conformismo. L’eroe contemporaneo, secondo Moravia, è l’uomo che vuole confondersi, essere uguale a tutti. Ma, in tutti i tempi, l’ingresso in società comporta un prezzo molto alto da pagare, soprattutto in termini di libertà individuale. Storia di un viaggio di nozze a Parigi e di un delitto di stato, biografia di un uomo e descrizione
 di un’epoca e di una società, l’opera è però più che altro
 la storia di un prezzo pagato da un conformista moderno
 per ottenere di entrare a far parte di una società inesistente
 e - nell’affrontare il grande tema del rapporto tra uomo e società - si propone come uno dei lavori più coraggiosi e attuali dello scrittore romano.

Racconti romani

I Racconti romani di Alberto Moravia si riallacciano a una tradizione iniziata dal Belli con la sua opera monumentale e poi continuata da poeti e narratori romani come Pascarella, Trilussa e altri. Anche qui ritroviamo un personaggio anonimo del popolo o della piccola borghesia romana, cha parla in prima persona, raccontando i suoi casi e quelli della sua gente. Il linguaggio non è più il dialetto stretto belliano o quello temperato di Trilussa, ma un italiano qua e là colorito da parole e locuzione romanesche. La città e il popolo di Roma sono naturalmente molto cambiati da un secolo a questa parte: qui viene descritta la Roma moderna e un po’ stralunata del primo decennio del dopoguerra; una Roma libera e insieme alienata; molteplice, vitale e insieme deturpata, piena di incontri, di imprevisti, di avventure, ma anche di rassegnazioni e di angosce. Un libro ricchissimo, un grande atto della commedia umana di un nostro non lontano passato.

Il disprezzo

Pubblicato per la prima volta nel 1954, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso 
le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza 
di L’amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un dato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione,
 di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

La ciociara

La ciociara è la storia delle avventure di una madre e una figlia, costrette dal caso a passare un anno nelle prossimità del fronte del Garigliano tra il 1943 e il 1944. Ma La ciociara è anche soprattutto la descrizione di due atti di violenza, l’uno collettivo e l’altro individuale, la guerra e lo stupro. Dopo la guerra e dopo lo stupro né un paese né una donna sono più quello che erano prima. Un cambiamento profondo è avvenuto, un passaggio si è verificato da uno strato di innocenza e integrità a un altro di nuova e amara consapevolezza. D’altra parte tutte le guerre che penetrano profondamente nel territorio di un paese 
e colpiscono le popolazioni civili sono stupri. La ciociara non è un libro di guerra nel senso tradizionale del termine; è un romanzo in cui è narrata l’esperienza umana di quella violenza profanatoria che è la guerra.

Un mese in URSS

Il racconto del viaggio compiuto da Moravia nel 1958 nell’ex Unione Sovietica è un libro che vive di due anime: da un lato 
il sentimento appassionato dell’intellettuale europeo
 che si confronta con la cultura di Dostoevskij, Cechov e Gogol, che a Leningrado si appassiona ai luoghi dove abitò lo scrittore dei Demoni, che compie un viaggio pieno di sorprese nella storia di una delle letterature più affascinanti d’Europa. Dall’altro lato, l’occhio di Moravia porta con sé anche il giudizio politico su un paese laboratorio di dottrine sociali, di cui riscontra e analizza l’applicazione, criticando e paragonando la situazione oltrecortina alla realtà del resto del continente.

Nuovi racconti romani

I Nuovi racconti romani di Alberto Moravia sono stati scritti tra 
il 1954 e il 1959 e costituiscono la naturale continuazione del discorso avviato con i precedenti Racconti romani, considerati dalla critica centrali nella produzione moraviana. Anche nei Nuovi racconti romani il mito proletario influisce non soltanto sulla visione 
del mondo, ma anche sulla scrittura che è leggermente “romanesca” come appunto il linguaggio corrente di Roma che non è più affatto dialettale come ai tempi del Belli, ma appena velato da un superstite accento locale. La vastissima compagine di questi racconti, una vera e propria commedia umana, può apparire anche come una puntigliosa verifica della disfatta che insidia i propositi della vita.

La noia

Considerato come il cardine di un’ideale trilogia 
iniziata con Gli indifferenti e conclusa con La vita interiore, 
La noia, pubblicato nel 1960, ci offre un ritratto profondo e spietato 
di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. È una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Descritto nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, 
il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perché a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) 
si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

Un'idea dell'India

Un’idea dell’India è il reportage di un viaggio fatto da Moravia nel 1961 in compagnia di Pasolini e della moglie, Elsa Morante. Questo itinerario indiano consente a Moravia di offrire un’immagine viva e fuori dall’ordinario di un paese che faticosamente, tra mille contraddizioni, si avviava verso
 un moderno riscatto sociale. Quel che conta non sono tanto 
le notazioni paesistiche e di colore, ormai topiche, quanto 
lo smascheramento delle cause della falsa opulenza e della tragica indigenza del paese: il sistema delle caste, già allora legalmente abolito eppure di fatto ancora vivo nel costume e nella pratica.

L'automa

Nella semplicità dello schema della narrazione breve - forma quanto mai congeniale a Moravia - si inserisce una lucida analisi introspettiva che porta l'autore a farsi interprete delle difficoltà psicologiche e morali in cui si dibatte l'uomo moderno il quale, sempre più agito dall'esterno, rischia di capire sempre meno i suoi stessi gesti. Personaggi che agiscono come macchine, come automi appunto: è il tema sottile che lega questa serie di racconti.

Pagina: 12345

News & eventi

Moravia e l'arte: un secolo d'incontri
06/12/2018
Primo appuntamento di un ciclo di incontri sull'arte, giovedì 6 dicembre alle ore 18.30, la studiosa Alessandra Grandelis ci racconterà...

Leggi tutto >

La Compagnia del Porcospino - Incontro con Dacia Maraini e Flaminia Siciliano
03/12/2018
Lunedì 3 dicembre alle ore 21 si torna a parlare del teatro di Moravia attraverso l'esperienza del Teatro del Porcospino.  Con Dacia...

Leggi tutto >

Caro Alberto, mi ricordo di te... - Paolo Bonacelli dialoga con Eugenio Murrali
28/11/2018
Mercoledì 28 novembre alle ore 18, per ricordare lo scrittore nel giorno del suo compleanno, l’Associazione Fondo Alberto Moravia - Onlus...

Leggi tutto >

Per crescere un bambino ci vuole un villaggio. Incontro con Véronique Tadjo
31/10/2018
Mercoledì 31 ottobre alle ore 18 a Casa Moravia saranno protagoniste le favole africane di Véronique Tadjo, scrittrice ivoriana, in dialogo...

Leggi tutto >

Presentazione del volume di Anna Folli "MoranteMoravia. Storia di un amore"
02/07/2018
Lunedì 2 luglio alle 18.30 a Casa Moravia avrà luogo la presentazione del volume di Anna Folli "MoranteMoravia. Storia di un amore"...

Leggi tutto >

Alberto Moravia e il '68
11/06/2018
Lunedì 11 giugno alle ore 18.30 al Teatro Argentina di Roma Incontro con Dacia Maraini e Paolo Mieli, coordina Lorenzo Pavolini «La...

Leggi tutto >

Caro Alberto, mi ricordo di te.. - Piera Degli Esposti dialoga con Eugenio Murrali
19/04/2018
Giovedì 19 aprile alle ore 18.30 - Casa Moravia Piera Degli Esposti, attrice, con Eugenio Murrali, giornalista Torna "Caro Alberto,...

Leggi tutto >

Presentazione del volume "Non so perchè non ho fatto il pittore"
11/01/2018
Giovedì 11 gennaio 2018 alle ore 18.30, presso la Galleria 28 Piazza di Pietra - Fine art Gallery si terrà la presentazione del volume...

Leggi tutto >

Newsletter

Per ricevere la newsletter compilare il seguente modulo:

Sicurezza e riservatezza sono gli elementi cardine della Privacy Policy di questo sito. Fondoalbertomoravia.it gestisce i dati forniti dagli utenti durante la navigazione in conformità a quanto prescritto dal Decreto Legislativo del 30 giugno 2003 n° 196 conosciuto come "Codice in materia di protezione dei dati personali". Le disposizioni di questo decreto, che danno attuazione in Italia a direttive dell'Unione Europea in materia di protezione dei dati personali, si sono sostituite al D.Lgs. del 31 dicembre 1996 n. 675 da tutti conosciuto come Legge sulla privacy. Si riportano di seguito le modalità di gestione del sito www.fondoalbertomoravia.it relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. La privacy policy è relativa soltanto a questo sito e non riguarda altri siti web eventualmente consultati dall'utente connesso tramite link.

Informativa in materia di privacy

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. L'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 stabilisce che il soggetto interessato debba essere preventivamente informato in merito all'utilizzo dei dati che lo riguardano.

Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali è “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus”, con sede legale in Lungotevere della Vittoria, 1 - 00195 Roma.

Luogo di trattamento dei dati

Il trattamento dei dati connesso alla consultazione di questo sito ha luogo presso la predetta sede di “Associazione Fondo Alberto Moravia – Onlus” ed è curato dal personale dell'ufficio incaricato del trattamento.

Facoltà nel conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali indicati in contatti con la Fondazione per sollecitare l'invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare tuttavia l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Dicono di Lui

Una sezione dedicata ai contributi di altri, che raccoglie testimonianze d’autore, ricordi, letture private, pensieri, sguardi sullo scrittore. Uno spazio dove raccontare non soltanto le sue opere e le sue riflessioni politiche/artistiche/letterarie, ma anche le vicende e i luoghi della sua vita, attraverso le parole e le immagini di studiosi, lettori, amici, esperti, e di chi ha semplicemente letto e amato i suoi romanzi, i racconti, gli articoli.  

La Casa Museo

La casa di Alberto Moravia conserva le tracce della sua vita quotidiana, dei viaggi e delle frequentazioni. Dalle maschere africane ai makemono orientali; dai celebri ritratti alle opere degli amici pittori e scultori; dai souvenir di viaggio ai dischi e ai classici della letteratura; dalle lampade pop anni Sessanta alla macchina da scrivere Olivetti 82.